Home La nota Archivio la nota Belfagor TGweb Archivio DirettaVideo Meteo Scavi WebRadio MondoTV

 

I 2 Cumpari

Compare Cicciu e compare Micu sono due personaggi caratteristici borgesi, amanti della cucina e del buon vino, purtroppo orfani, da qualche tempo, del loro luogo d’incontro preferito, la cantina. Quindi costretti ad incontrarsi, riparandosi sotto le architravi di qualche casa abbandonata, nei mesi invernali oppure in piazza Ortona nei mesi estivi. Di questi incontri vi faremo il resoconto, ogni volta che avranno qualche cosa di interessante da raccontare.


IL CALCIO

Cicciu - Compare Micu a voi non siete sportivo?

Micu - Beato a voi ca vi divertite, io ho altro nella testa ca lo sport!

Cicciu - Mamma mia! Come quando che tutti li mali del mondo e i pensieri li aveti voi.

Micu - I guai da pignata li sapa solu la cucchiara.

Cicciu - Perciò dovete darvi allo sport, così vi sviate per un po’ e pensate a divertirvi.

Micu - E secondo voi che dovrei fare? Mi metto un paio di mutande e una magli in carne e vado a prendere a calci il pallone! Alla mia età!

Cicciu - Non dovete giocare voi ma dovete venire la domenica allo stadio e gustarvi la partita.

Micu - Ah! Perché voi cosi siete sportivo? Vi assettate nella tribuna e vi guardate la partita e magari vi fumate una ventina di sigarette. In questa maniera siamo tutti capaci di fare gli sportivi. Ma dicitemi duve andate per vedervi la partita?

Cicciu - Ca secundo voi, dove vado a Papanice? Mi la vedo a Borgia a lu campu Santa Lucia.

Micu -  E cu iocono?

Cicciu - Madonna do’ Rosaru, ma vui non siete di Borgia. Gioca l’US Borgia i nostri amaranto.

Micu - Chissa esta bella! Ma si non c’era più la squadra ca si l’avevano futtuta!

Cicciu - E imbecia è arrivato uno e Sersale e ficia a squatra.

Micu - E i iocatori, venunu da Sersale puro loro?

Cicciu - Ma compara mio che dicete! Con tutti i campioni che abbiamo a Borgia, ca esta una squatra potenta ca vincimu a tutti.

Micu - Stamu a vidima, sperami ca dura. Non vorrei ca fosse un fuoco di paglia…..

Cicciu - Ma quale fuoco di paglia! Voi dicete così perché non v’interessa il calcio

Micu - Aveti detto bene. A mia chi mi duna? Chi mi ‘nda trasa? Però mannaia u Pataternu Dominica tutti a lu campo e forza Borgiaaaaaa! Ca vi ruppimu i corna a tutti.


Le Primarie

Micu - Compara Ciccio, siete andato a votari?

Cicciu - Perché si votava? Mi pari che ancora non esta tempo. Del resto in questa Talia ogni iorno si vota per ncuna cosa.

Micu - Questi sono li votazioni per i primi….

Cicciu - I primi di che?

Micu - quello che devi fare il segretario del partito nuovo, come cazzo si chiama? Ah! Partito Democratico. Quello con Veltroni, la Bindi, Letta e due che non mi ricordo.

Cicciu - Voi state parlando delle primarie! Queste sono elezioni ca servono, perché tutti i cittadini na volta per tutti, debbono dire: questo è il nuovo segretario dei democratici

Micu - Allora si sono democratici, sono quelle della signorina Rosy Bindi?

Cicciu - Compà che vuol dire! Tutti sono democratici…..

Micu - Puro Veltroni, Letta e quelli altri due…

Cicciu - Certamente!

Micu - Allora compà scusatemi tantu, pecchì la Bindi ha scritto. "Noi siamo i democratici Davvero. Quindi vor dira che l’altri non sugno democratici?

Cicciu - Chi c’entra! Quella scritta è una pubblicità.

Micu - Allora non è vero? Se non è vero chisto, vuol dire che non bisogna credere alla pubblicità. Ecca como, si dice alla televisione che il latte è vita, allora vuol dira ca esta nu velenu?

Cicciu - Compà che avete capito! Non è che tutta a pubblicità non esta vera e che questa, vuol dire "Votati per me ca sugno la vera democratica. Cioè sono un poco più democratica degli  altri" aviti capitu?

Micu - Capiscivi, capiscivi. Vol dira ca io dico ca sugnu cunnu, ma sugno menu cunno di voi!

Cicciu - Allora io sugnu cunnu? Compare Mico voi mi state offendendo!

Micu - Per l’amure della Madonna, non mi permetterei mai, al mio compare, specialmente!  Lo dicevo come la pubblicità di prima.

Cicciu - O pubblicità o senza pubblicità caro compare, voi mi avete chiamato cunno.

Micu - Ma, allora, visto ca voi siete istruito, questo è un nuovo partito? E se il partito esta nuovo che cazzo c’entrano la Bindi, Veltroni e compagnia briscola? Chisti il partito l’hannu già, chi vannu cercando?

Cicciu - Compà, voi di politica non nda mazzicati per niente. Questi si sono iungiuti e hanno fatto il partito democratico.

Micu - Allora iamo con li cazzi! Già prima eranu spartuti ed arrobbavano a mora mamma, mo chi sugnu iungiuti si futtanu pura u regnu e Napuli.


Visita pastorala del Vescovo

Cicciu - Compare Mico, chi sarria questa visita pastorala del Vescovo? Che simo tutti animali, sarvo l’anima!

Micu - Ogni anno il Vescovo è obbligato alla visita ai paesi, ca si chiama pastorale e no pecchè siamo pecori, ma pecchì, lui è pastore di anime.

Cicciu - E allora che succeda?

Micu - Niente succeda, solo ml’incontro con il parroco ed i parrocchiani di Borgia. Insomma vuole parrara con tutti.

Cicciu - Allora compà, parra pure con me? Ca si parra con me, abbiamo a discurrira per due mesi.

Micu - Nel senso che vi volete confessare?

Micu - Cazzo! Se mi confesso, mi devo cacciare tutto quello che haio nello stommico. Mi debbo pulire la bocca, gli devo dire, di quella persona che facia l’uomo de chiesa e non è degno di essere previta. L’altro giorno, mia moglie ha ordinato na messa in memoria di mio Patre e quello si è presentato con un’ora di ritardo.

Cicciu - Meno male ca è venuto, perché mio nipota che doveva battezzare la piccolina, ha  aspettato due ore e poi se ne sono andati. Sono andati a trovarlo in campagna dove stava lavorando e ha detto:"scusatemi mi ero scordato"

Micu - Però si vena il Vescovo, questo ha finito di galliare, gliele abbassa lui la cresta. Questo Parrucu acconza e sconza come gli para. Caccia i suori, maltratta il povero previtiddu. Insomma, vo mu facia il patrone nella casa di Dio.

Cicciu - Compà, da quando stannu nella chiesa i musulmani, non saccio più se è ancora patrone il Patre Eterno. Nella chiesa vanno i soliti femmini e non si possono fare neppure Una partita a briscola ca gli manca il quarto.

Micu - Appena saccio ca arriva il Vescovo, io di prima mattina mi metto davanti alla porta della chiesa, voglio parlare con lui e se poi non mi riciva o facia orecchia de mercanta puro lui, vuol dira ca se lo devono prendere in quel posto tutti e due, ca io diventu Musurmanu.

 


I due compari e l’eolico

Micu - Ma certu ca caro compare Cicciu, ca se ne vedoni di tutti i colori.

Cicciu - Perché cosa vi è capitato, cosa vi succediu questa volta?

Micu - Ca chi mi doveva succedere! Si vida che voi caro compare non viaggiati e non poteti rendervene conto delle cose ca cangiunu.

Cicciu - Aveti ragione, mo i ciucci diventaru cavalli.

Micu - Che volite dire?

Cicciu - Niente, era una cosa che stavo pensando a voce alta, ma non riguardava voi.Comunque che avete visto di tanto importante?

Micu -Duva ti giri, ti giri vidi questi pali altissimi cu tutti le eliche grandissime ca arrassimigliano a tanti apparecchi, a che cosa servono, vorrei sapere. Cosa vor dira mettira quelle eliche supra i pali?

Cicciu -Vedete compà! Io non viaggio, ma vi posso dira che cosa servuno quelle pale. Quelle girando producono corrente elettrica.

Micu - Stavolta, compare mio ni dovete trovare n’altra, ca chissa da corrente non bala.

Cicciu - Chi volete dira?

Micu - Voglio dira, ca si a vui vi dicono ca u ciucciu vola, vui lu criditi. Risvegliatevi ca siti randa e certi cuasi, non avite mu li credete.

Cicciu - Ma come vi permettete! Io sono una persona struita, ho fatto la scuola agraria….

Micu - Voi aveti potuto fari tutto, ma questa vorta, queste cose non li sapite, queste cose sono stati fatti dal governo di Brodi e da quello onorevole che facia u pecuraru a lu Scaniu. Siccome questa estata, dicianu ca farà molto caddo, quasi commo all’Africa per darci qualche refrigerio, u governo misa quelle pale ca girano come nu ventilatore e portano a tutti refrigerio e puru a vui ca non sapite queste cosi.


Mettiti cu i migliori di te e fagli le spese

Cicciu - Compare Micu ava più di un mese ca non vi vedo, chi avete fatto?

Micu - Chi volete, caro cumpare Cicciu, impegni! Impegni ca non mi facianu dormira.

Cicciu - Per questo ca vi vedevo currara di qua e di là come nu diavolo, avevate impegni, avevate! Tanto avevo penzato: u compari ha amazzato lo porco e se chiuduto.

Micu - Compà a voi lo posso dira, siamo tanto amici da una vita, ca ammuccirvi qualcosa non mi para giusto.

Cicciu - Grazie per l’onore che mi fate, sapete che siete contraccambiato, con stima e riguardo.

Micu - Hanno ragione i miei figli, ho deciso di cambiare vita, voglio essere qualcuno, basta con questa vita che mi fa somigliare ad un pezzente. Qualche sordo stipato ce l’ho anch’io, nommu vi credite ca mi pigliate per terra, qualche sodiceddu l’haiu!

Cicciu - Mai compare ho penzato ca voi foste cose da poco! Sapete, il tata randa diceva: "mettiti cu i migliori di te e fagli le spese……..

Micu - Una prima spesuccia per migliorare l’ho fatta, fra poco finirò quella cosa ca mi duna prestigiu e rispettu, non sulu, potrò fare quello ca mi pare e piacia.

Cicciu - Allora sieti mala intenzionato?

Micu - Devo fari vergognare questi quattro sbafanti borgisi, ca si criduno u pataternu, basta mu si mentunu a scarpina cu la gomma, a giacchetta e la cravatta, si criduno tutti baruni. Zambari sugnu! E pua, quello ca mi sta supra le corna sugnu quelli ca si sono accattati quei macchinoni, ca arrassimiglianu a la berlina dei muarti, cu i vetri scuri, come quando ca alla guida non c’è nessuno.

Cicciu - Caro compare avete ragione, non ragione, ma ragionissima. Sugnu tutti malati di illusione.

Micu - Si credunu tutti importanti e più si illudono e più si comprano la machina granda. Qualcuno è costrettu mu si porta a scala da casa per saglira e scendara dalla machina. Più su piccioli e più la macchina è randa. Mona, mi sto per finire una cosa ca in Borgia non l’avi nessuno. Staiu aspettando l’ultimu pezzu e poi sarò la persona più grande e famosa del paese.

Cicciu - Insomma, compara Micu vi state costruendo la personalità?

Micu - Proprio cosi! Fra qualche giorno mi vedrete girare con un pulmanino, voglio proprio vedere chi avrà il coraggio di essere meglio di me!


A storia dei morti ca non si trovano più, come finiu?

Micu - Compare Cicciu, finalmente abbiate giunto, a da due ori ca vi aspetto!

Cicciu - Vedete ca sono arrivato?

Micu - ‘nzilcamente! Mi sono fumato un pacchetto di sigaretti, per aspettarvi.

Cicciu - Ma fosse che avevamo un appuntamento?

Micu - No! Però vedeti, vi dovevo chiedere una cosa, ca ava tutta la notte ca mi tormenta.Vi volevo parrara, perché solo voi lo sapete, ma di quella storia dei morti ca non si trovano più, come finiu?

Cicciu - Oh! Madonna do Rosaro, chi sa cosa mi credevo che vi tormentava, imbecia erano solo i morti.

Micu - E ca vui nente dicistuvu, ma u penzate se mi capita a mia? Ca mi mentono in una tomba e dopo qualche anno, dopo ca ti sei abituato ti cacciano come un cane! Ti trovi spaesato. E ti domandi, ma moh! dove sugno capitato? E se la gente che hai a lu cantu non ti piaciunu?

Cicciu - Lasciati stare la morte che ancora non esta ora, ma voi veramente credeti ca dopo morto uno a mu si preoccupa di tutte queste cose? Compà, quando uno muore, muore morto! Avete capito? E tutte ste vacanterie di cazzi non servono a niente. Che cosa me ne fotto dopo che sono morto se i vicini non mi piaciono?

Micu - Allora la vostra moglie, se non vi porta un fiore, nu lumino, a voi non v’interessa?

Cicciu - Certamente ca non m’interessa, anzi m’incazzo puro, perché lei campa ed io soni morto.

Micu - Non vi facia accussì streusu. Comunque come finiu a lu cimiteru?

Cicciu - Finiu, ca quel povero cunno che ha dato lo sfratto, nte nu dittu e nu fattu finisce in galera.

Micu - E che allora, così grave esta la cosa?

Cicciu - Gravissima! Ci sono dispositivi regolati dalla legge, bisogna informare la polizia mortuaria la quale farà intervenire il medico legale, ma soprattutto, cosa che non è stata fatta: informare i parenti dei defunti.

Micu - E chi ficia! Quattro ova ‘nte nu piattu?

Cicciu - Proprio così. Solamente che ora se li mangerà in galera.

 


L'Oratorio

 

Micu - Ma avite visti quanta genta ‘nc’era davanzi all’asilo?

Cicciu - Pe forza! E’ cominciato l’oratorio.

Micu - Certo ca si mi ricordo, quando ero picciolo, quello era oratorio, vi lo ricordate?Si andava ai la Sarcicci duve i Salesiani, quanti giochi e poi si mangiava, era bello davvero. Vi lo ricordate compare Cicciu?

Cicciu - Eccome me lo posso scardare. Aspettavo con tanta pazienza la fine della scuola, per poi iniziara l’oratorio.

Micu - Ma na vota c’erano i preti e moh! Mi para che sono tutti guaglioni.

Cicciu - ‘Nc’e puro il previte, non lo avete visto come balla e sarta.

Micu - E cuamu, l’altro giorno , pariva che dava l’anima al diavolo, si stendeva sull’altare diceva la messa assettato e mo para nu tirri!

Cicciu - La santità facia tutto. Prima vedete, caro compare, prima c’erano le suore che lo facevano incazzare, volevano fare tutto loro e a questo povero diavolo non gli facevano fare niente. Portavano la comunione ai malati, facevano visita ai vecchi. Insomma per fortuna che non Potevano dire la messa, altrimenti a questo non gli lasciavano niente.

Micu - Allora, si i cacciau ha fatto bene. Quando è troppo, è troppo. Ognuno si deve limitare a lu servizio che devi fare. Tu sei suora e fai la suora, io sono prete e faccio il prete.

Cicciu - Avete ragione compare mio. Il troppo storpia, U suvierchio rumpa u coverchio.

Micu - Scusate compare, voi che sapite tutto, allora il palazzo delle suore, si lo è preso lui, il Parroco?

Cicciu - A quanto pare!

Micu - E allora! Dopo l’istate, finiscia l’oratorio e il palazzo diventa albergo. Cu tutti i terri chi  ava gli servono altri contadini. Mo a casa c’esta, ed avissi voglia u ‘nda stipi marocchini.

Cicciu - Compà, mo non doveti essere malizioso, del resto come sa dicia, "ogni spiruto leva in Dominu". Scusatemi caro compari, devo andari pigliare la nipotina che esta all’oratorio.


 

Cumpare mio dove campate?

 

Micu - Lo aveti saputo ca hanno arrubato la machina al mio vicino di casa?

Cicciu - Io i manifesti non li ho visti.

Micu - Quali manifesti?

Cicciu - Quelli dove dicono che al vostro vicino hanno arrubato la machina. Ma poi, qualcuno ha visto qualcosa?

Micu - Cumpare mio dove campate? Non lo sapete che bisogna guardare ma non vedere? Sentire senza aver sentito e palare stando muto?

Cicciu - Compà scusate, ma che campate a fare. Se vi dovete infilare un dito in quel posto senza fiatare.

Micu - E’ proprio quello che voglio fare, caro compare, campare! Campare più a lungo che è possibile. Ma non come dite voi, ma a modo mio, come ho campato sino ad ora. Facendomi i cazzi miei.

Cicciu - E chi vi dice di non farveli! Soltanto che qualche volta bisogna alzare la testa e provare a vivere all’aria aperta, senza paure. E’ giusto farsi i "propri", ma è anche giusto, se siamo spettatori di qualche cosa fatta male, denunciare.

Micu - Ma che state dicendo? Non fatevi sentira, meno male che aveti parlato con me. Voi non lo sapite, ma anche li muri hanno le orecchie e voi così campati male. Lasciatevi servire, caro compare, lasciatevi servire da uno che sa come cammina la vita. A proposito, ma esta vero che verso la marina vogliono costruira 300 casi per i pentiti, le guardie carcerarie e pure i collocatori?

Cicciu - I collocatori? E chi sono questi?

Micu - Mamma mia comapre! Sembrate ca cadite dalle nuvole! Insomma, quelli che parlano  e dicuno tutto alli sbirri. Avete capito?

Cicciu - Ho capito, ho capito voi intendete i collaboratori di giustizia?

Micu - E perché io cosa ho detto?

Cicciu - Niente. Lasciamo perdere. Le case che dovranno costruira, sono case che ha ordinato il Ministro dell’Interno e sono case per i poliziotti, carabinieri, polizia penitenziaria e Guardie di finanza.

Micu - E i pentiti duva i mettunu?

Cicciu - I pentiti stanno in carcere e li si fermano. Avete visto mai detenuti ca stanno in case in

Mezzo alla gente?

Micu - Ma, allora! Chi dicono questi quattro stupidi?

Cicciu - Ognuno dicia quello che vuole, tanto è facile si apre la bocca e sputari tutto fuori. Ma caro compare, se voi avete paura di dire chi si è fregata la macchina, perché voi dite, non si sa mai. Ve lo immaginate se mettono i collaboratori di giustizia, che li nascondono per non farli scoprire, tutti nel posto che dicevate voi, il giorno dopo la mafia farebbe una carneficina.


  L'Euro

Mico - Compà chi penzate? Pensate forsi ai debiti miei? State tranquillo che me le pago io.

Cicciu - Compare mio voi volete coglioneggiare e questo non è il momento. Mi sono accattato

Due o tre calcolatrici, pensai che sono rotte, ed invece le somme sono sempre le

Stesse. Insomma io non arrivo chiù alla fine del mese? Aveti Capito? Voi scherzate

Ca l’aviti cada a pallera!

 

Micu - Allora stamu cu li cazzi! Io pensava ca era la mia moglie ca non sapeva spendere

E invece…..Voi mi dite ca puro voi stati alu stessu modo mio. Ma secondo voi ca siete

Più istruito, dicetimi: come mai quando c’era la lira io stava benissimo e moh! Mi moro

Quasi, quasi di fame?

 

Cicciu - Ha stato l’euro. Gli stati europei, siccome andavano male hanno pensato di fare una

Svalutazione delle monete. Dissero, ne stampiamo un’altra e gli diamo il doppio del valore

Di quella di prima e come riferimento gli diamo una moneta forte, non certo quella italiana.

Accussì, quelli che avanzano sordi si ritrovano con un pugno di moschi! Aveti capito?

Micu - E la moneta quale li dezurù? Quella inglese?

Cicciu - Meno male ca l’Inglitterra dissa ca no! Dissa io resto nell’Europa, ma la mia valuta resta la

Sterlina. Allora hanno preso il marco tedesco, ma anche questa era una valuta pesante,

sordi ca cuntavanu, non come quella italiana. Insomma quattro e quattro otto fecero la

rovina. Il Brodi ca era al governo disse:" Accussì possiamo dire di avere salvato l’Italia,

ci siamo messi d’accordo con tutti gli altri paesi europei e racconteremo in giro che se non

cambiamo valuta faremo la fine dell’Argentina." Ma qualcuno gli dissa: però dobbiamo

adeguare gli stipendi e le pensioni! E Brodi: "Allora non avete capito un cazzo!

Stipendi debbono restare gli stessi, altrimenti dov’è il vantaggio?

Micu - Allora accussì nasciu l’euro? Botte e sangu mu li vena!

Cicciu - Aveti capito? Esta vero che li commercianti hanno aumentato i prezzi, ma esta anche,

Che pure lo Stato ha aumentato tutte le tariffe: I treni, la bolletta del telefono, quella della

Luce, le marche da bollo, insomma tutto è aumentato, sulle spalle dei cunni.

 

Micu - Allora è vero ca u cetriolo finisce nel c…. dell’ortolano, che poi saremmo noi.

Hi! Hi! Hi!.........

Cicciu - Compà non saccio cosa aveti da ridere?

Micu - stavo pensando, che meno male che è un cetriolo tedesco a finirvi dietro, ve lo immaginate

Se dovevano farvi entrare la zucca inglese?

 


I C I

 

Micu - Compari bello, fattu cu pennellu, non vi vedo tanto regolare oggi, chi avete?

Cicciu - Guardate! Non è il momento di scherzare, ho tanti cazzi per la testa che……

Micu - E meno male che li avete per la testa, ca sinno!.....

Cicciu - Voi volete scherzare e questo non è proprio il momento. Scusate, compari si vi lo dico…

Micu - Ma insomma che cosa vi è capitato?

Cicciu - Mi è capitato che ho dovuo pagari li tassi e haiu lu portafogli vacanti.

Micu - E ca mo’ si pagano le tasse?

Cicciu - E allora quando? Ho dovuto pagare l’ICI.

Micu - Chi pagastuvu l’alicia! E chista chi è?

Cicciu - Ma quale alice e sarda! L’ICI la tassa sull’immobile, insomma sulla casa.

Micu - E questa nuova è?

Cicciu - Scusate compare, possibile che voi non pagate l’ICI? Come fate, avete due case?

 

Micu - Che c ‘entra, io le case le ho e le ho costruite di tasca mia, con i miei soldi e nessuno mi ha

aiutato a costruire e neppure a comprarmi un mattone. Quindi a cui debbo pagari questa

Alici?

 

Cicciu - Compare Micu, voi mi state pigliando in giro oppure fate lo zingaro ‘mbriacu? In quale

Isola sperduta campati oppuru non sieti di questo mondo?

 

Micu - Io sono di questo mondo e di più! Siete voi che appartenete veramente ai borgisi, siete,

scusatimi se vi lo dicu, un vero cunno. Mo! si alza il Governo o il Comune e mi dice che

debbo pagari la tassa sulla mia casa, aveti capito? La mia casa, non quella dello stato.

Io non pago neppure a Maria Vergine.

 

Cicciu - Voi mi voleti dira che non avete pagato la tassa sulla costruzione delle due case? Non

aveti pagato neppure la Bucalossi?

 

Micu - Io non sacciu nenta di grupa l’ossa, sacciu che la casa e la mia perché mi la sono

costruita e pagata.

Cicciu - Allora voi siete un abusivo? E se poi vengono i vigili a controllare?

Micu - Ma quale abusivo! Siete voi e ve lo ripeto il cunno che pagati, ricordatevi che il mondo,

Specialmente questo esta dei furbi e non degli onesti, come dicono certi perzone che non

pagano niente, ma si vantano di pagare. Per i vigili non v’appricate che quelli hanno altro

a che pensare, di queste cose se ne fottono.

 


Quanto stanno discutendo i due compari è veramente capitato

 a Borgia intorno agli anni trenta.

I nomi di riferimento sono puramente casuali.

                           

 

 

 

 

 

Micu - Davanti a nu bicchieri a gente discorra cuamu vo. Scusatemi compare, dovevamo parrari il taliano ed allora vi conto un fatto bellissimo che è patuto nel nostro paiese.

 

Cicciu - Compà, ma il fatto è veru veramenti, oppure come u solito, ci avete messo la parte vostra?

 

Micu - Esta Verissimo, mi lo ha cuntato il mio nonno, e voi sapite che nonnuma era perzona di rispetto. Una parola era poca e due erano assai.

 

Cicciu - Era na perzona giusta e di fede, supra questo avete ragiona, eh! Sono finiti quei tempi e quelli genti! Oggi le perzone dove li lasciate non li trovate, cangiuno faccia e non hanno parola.

 

Micu - Avite molta ragiona caro cumpare. Comunque le cose stavano accussì : nell’epoca di cui vi parro, non c’erano tanti fimmini disposti…., aveti capito?

 

Cicciu - Chi vol dira disposti?

 

Micu - Oh Madonna! Compari pari che nascistovo ieri. Insomma, fimmini che si corcano con l’umini! Macari ndavia, ma lo facevano di nascosto o qualcuna che lo faciva a pagamento. Però Peppa u sciancatu, non avia una lira mancu pe’ mu mangia, vi l’immaginate ca aveva i sordi per le fimmine.

 

Cicciu - Ma stu Peppa chi era? Cui apparteneva?

 

Micu - Voi non lo conoscete, abitavano a Tavano, la famiglia era venuta da Simeri, pacci sono arrivati e pacci sono morti. Stu Peppa aviva tanto desiderio ca si accontentava puro di una fimmena di novanta anni. Un giorno si accorse ca mastro Turi, il forgiaio, aveva dentro casa na certa Dorina. Peppa sentiva spesso a mastro Turi  Chiamari questa Dorina.

Dorina vieni qua, Dorina non uscire, insomma mastro Turi era geloso, Dorina era troppo giovane e non Canusciva ancora il mascolo. Il povere Peppe con la voglia e la forza della gioventù, un bel giorno, di nascosto Trasio in casa e fece la cosa. Voi non potete immaginare quanto sanguo, non ficia in tempo a pulizzarlo che arrivò mastro Turi, Peppa scappò e non si feci vedere per un paio di giorni.

 

Cicciu - Mi figuro mastro Turi! Non ci voleva l’indovino per capire quello che era successo, con tutto quel sangue a mia successe con la mia signora, pareva che l’avevo scannata.

 

Micu - Mastro Turi fece l’inferno. Quella, Dorina non parlava e lui si arrabbiava, bestemmiava, le maledizioni  andavano a mille. I vicini che lo sentivano gridare, avevano paura pure di affacciarsi sulla porta. Poi a qualcuno, mastro Turi gli fece pena e di nascosto gli disse che durante un pomeriggio aveva visto Peppa u sciancato che si aggirava vicino alla forgia.

 

Cicciu - C’è sempre qualcuno ca non si fa i cazzi suoi. Comunque ha fatto bene, se mi lo avesse fatto a me, l’avevo già scannato.

 

Micu - Mastro Turi, chiuse la forgia e andò dai carabinieri e gli contò tutto. Quelli trovarono Peppa u sciancatu e lo portaro in prigione.

 

Cicciu - Hanno fatto bene, come si può essere così fetusi, di approfittarsi di una povera ragazza e soprattutto ancora vergine?

 

Micu - Ma quale ragazza! Era la capra.

 

 

 

 

 

          


  L’ acqua che va all’orto

Micu - Caro compare! Alla bellezza vostra, sono qui ai vostri ordini.

Cicciu - Da voi sempre comandi…. Scusate se vi lo dico, ma volete sempre coglioneggiare.

Micu - Questo mai! Sapete compare si fa tanto per parlare per dire qualcosa. Con tutti i pensieri che abbiamo per la testa, se non scherziamo un  po’ finisce ca cadimu malati. Per esempio, questa matina, mi hanno dato la bolletta dell’acqua, non è ca era assai, ma voi metite questa vicino alle altre, ed ecco ca i sordi sono finiti. Io ca ve lo dico a voi, cu sti cazzi di euri…..

 

Cicciu - Su questo fatto avete pienamente ragione, invece a me è arrivata una bolletta, come quando che noi a casa abbiamo la piscina.E’ vero che qualche volta la mia signora annaffia il giardino…

Micu - All’anima do’ giardino e che voi aveti quasi un ettaro davanti casa vostra, voi si compare mio che vi godete la vita.

Cicciu - Scusate, ma mo’ che c’entra la terra con il fatto che mi godo la vita. Perché voi con quello chi vi ha lasciato vostro patre, ca esta tri volte che quello che aiu io? Allora anche voi vi godete la vita.

 

Micu - Compara mio per due cosette che aggio piantato, una filata di pomodori, una filata di fave, tre o quattro filate di pomodori, tre o quattro di Melamzani…….

 

Cicciu - Compara Micu, doveti vedere dove comincianu e dove finiscono le filate! Se le filate sono di un chilometro, sapite quano ben de Dio facite?

Micu -  Ed allora secondo voi, le filate arrivano a Girifalco.

Cicciu - Se non arrivano, manca poco, se poi consoderiamo che li doveti innaffiare…..

Micu -  Mo non credo ca vi preoccupati pure del mio lavoro? Certamente una goccia d’acqua ogni tanto la dobbiamo pure mettere, ca sinnò come crescono li frutti. Voi pensati a il concimu facia crisciara tutto. Ci vuole acqua e suco di gomito.

 

Cicciu - Allora ve ne serve d’acqua? Visto che quello che raccogliete ve lo vendete puro al mercato del sabato. Per questo l’acqua non basta mai e noi paghiamo, voi consumate e noi poveri cunni paghiamo.

Micu - Compà come la state facendo longa, domani sera cuomo mi ritorno a casa vi porto nu poco de mercanzia, così non parlate più.

Cicciu - Sentite compà, la mercanzia ve la tenete, ca si la voglio me la compro a lu mercato, sapete cosa doveti fare, chiudete l’acqua oppure vi vacite un pozzo. Io l’acqua per voi non la voglio pagari, quindi chiuditi chiddu cazzu e rubinettu e spicciatila.

 

Micu - Caru cumpara mio, restastovo addietrato, para che io sono tantu cunnu da mettere il tubo vicino al contatore, io lo metto prima accossi futtu tutti.

 


I 2 Cumpari

 

Cicciu - Compara Micu, cuamu mai ritardastuvu?

Micu - Compara mio. Ebbi avuto un scontro con la mia nepotina e allora, discuta che ti discuta, fecimo tardo.

Cicciu - Ma com’è compara, vui parrati il taliano?

Micu - Esta proprio per chisso che mi sono imbrigato con la mia nipotina. Mi dissa, "Caro nonno tu mi continui a parlare in dialetto ed io non ti Capisco più. Sono dodici anni che sono all’università a Pisa, fra qualche anno mi laurerò e quindi mi devi parlare in italiano. Basta con questo dialetto."

Cicciu -Ma u sapiti ca puro a mia mi dissero la stessa cosa i mia nipoti! Allora sapete che facimo, da questo iorno parleremo u taliano.

Micu - Meno male che avete capito, che mi sono cacciato una petra dal cuore, pensavo "Vua vedere che u compare Mico, come me senta parrare il Taliano, mi chiamerà antipaticu.

Cicciu - Meno male ca mi l’avete detto voi prima di me, sapete da quanto tempo vi lo volevo dire che dovevamo parrari il taliano.

Micu - Compari mio, sapete che sto cercando uno ciuccio e non lo posso trovari, alla machina mia, non ne posso più di cangiari le gomme Cu queste strate che ci sono nel nostro paisa, ne debbo cangiari tutti e quattro ogni tri o quattro misi.

Cicciu - Pe’ forza caru cumpare! Avimo queste strati ca paruno una strata di campagna. Ciucci non si ne trovano, allora io ho pensato mu m’accattu il Tri- rote, perlomeno ne risparmio una. Compari Mico e che proprio il ciuccio vi dovete accattare? Vi dovete ammodernizzare, voi avete li Sordi ed quindi vi potete accattare il suvvo.

Micu - U chi?

Cicciu - Il suvvo. Aspettati ca mo vi spiego. Possibile can non l’avete mai visto quelle macchinone grassi, chi servono per andari alla campagna, o dove non ci sono strate.

Micu - Volete dira il fuoristrata?

Cicciu - Lo vedete ca lo conoscete?

Micu - scusati compara ca voi lo chiamate "suvvo", io e suvvo canuscio i surva, quelli ca si mangiono. E scusati quantu costeria chisto suvvo?

Cicciu - Si parra di trentamila euri e più.

Micu -  ma voi volete coglioneggiare! scusati compare Cicciu, qualche sordo lo tengo, ma per la morte. Con quello che custanu li funerali, si non hai qualche cosa di cantu, con che ti levano al camposanto? O mi fazzo sotterare nel suvvo?

Cicciu - Se è per questo, aviti ragione. Ma insomma, dassamu futtara u talianu, ma u sindacu i strati quando l’acconza?