Home La nota Archivio la nota Belfagor TGweb Archivio DirettaVideo Meteo Scavi WebRadio MondoTV
Personaggi e Artisti
 » Francesco Guerrieri
 » Carmelo Fodaro
 » Ugo Ortona
 » Giuseppe Rocca
 » Giovanni Sinatora

»

LeonardoRussomanno
» Romualdo Citraro
» Enrique Cordaro
TGWEB - NOTIZIE
 

 

Pubblicità Progresso

 
 

Webtvborgia- Chat
 

WebMaster TA

 

WebtvBorgia Precisa
 

 

 

Webtvborgia preferiti
  TI PIACE IL SITO?
Se la tua risposta è sì, aggiungilo all'elenco dei tuoi PREFERITI

 
 

 

 
 

ANTEPRIMA NEWS                    

Riceviamo e pubblichiamo

Il cronista si aggiorni prima di scrivere fischi per fiaschi

(U tamburru)

Anche quest’anno, come nel 2018, introduciamo la nota sui tradizionali riti della settimana Santa con una frase che rappresenta perfettamente il nostro pensiero: "celebrazioni di una bellezza struggente, enfatizzate e gravide di pathos, tanto da risultare difficile discernere fede e folklore, che si combinano e si intersecano". E’ quanto scriveva GP qualche anno addietro riferendosi ai sacri riti pasquali borgesi, uno su tutti "U tamburru". Quel suono cupo, cadenzato, che rimbomba per le strade silenziose del paese e che via via si fa più forte, è la colonna sonora della notte del mercoledì di Pasqua. "U tamburru" è la manifestazione che segna l’apertura delle celebrazioni pasquali. E’ la tradizione che non muore mai, che vive da cinquecento anni e che la Regia Arciconfraternita del Santissimo Rosario continua a rinnovare. Quella folla che si riunisce ogni mezzanotte di mercoledì santo ed accompagna il tamburo, in composto, rispettoso e surreale silenzio è il simbolo di quella gente devota alla storia, alla tradizione ed al rispetto del significato dell’evento. Altra tradizione, molto praticata al sud d’Italia, è la troccola("A truaccula" borgese), caratterizzata da una tavola di legno su cui sono installate delle maniglie di metallo. Tale strumento liturgico viene utilizzato il venerdì Santo per sostituire le campane che tacciono nel giorno della Crocifissione e Morte di Gesù, è per tale motivo che a Siracusa si dice: "U venniri è di lignu la campana". Proprio delle tradizioni pasquali si è parlato nell’interessante convegno organizzato dalla Pro-loco di Borgia, e dalle Arciconfraternite del SS. Rosario e dell’Immacolata. Ci sia consentita una piccola ma fondamentale precisazione: su un articolo comparso ieri sulla Gazzetta del Sud, a proposito del convegno "U tamburru e riti della settimana Santa", un non ben specificato autore prende le lucciole per lanterne. Non vogliamo fare il Puffo Quattrocchi della situazione, ma noi la nostra storia la conosciamo bene. Il rituale ripetuto ogni mercoledì santo rappresenta il drappello dei soldati romani seguito da Giuda, che nel corso della notte vanno in cerca di Gesù e non "l’affannosa ricerca della Madonna del suo figlio Gesù". Il cronista probabilmente pensava alla Cunfrunta e scriveva del tamburo, o si è assentato proprio nel momento clou del convegno, o magari chi ha riferito ignora completamente il vero significato del rituale.

Gutta cavat lapidem

Franco Papaleo

e-mail: fpapaleo@yahoo.com

 

 

 

 

 

WEBTVBORGIA.IT declina ogni responsabilità sugli argomenti trattati;

 

 
Sito web Gianni Guerrieri

E' con noi in Radio

l'attore calabrese

Gianni Guerrieri

Pino Michienzi
 

E' con noi in Radio l'attore Catanzarese Pino Michienzi

 

Oroscopo
 

WEBRADIO OROSCOPO DEL GIORNO

 

 

Meteo
 

 

Massimo Froio

 

Webtvborgia Home Page
  Trovi webtvborgia Utile? Se la tua risposta è sì impostalo come pagina iniziale. Clicca QUI

 

 

 

 

 
WEBMASTER  TA 1997 - 2019  TUTTI I DIRITTI RISERVATI